Torna l’Ora della Terra, si spengono i principali monumenti di Firenze

Cronaca
28/03/2019

Al buio, tra gli altri, Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio e David al piazzale Michelangelo

Al buio i principali monumenti di Firenze. Accadrà sabato 30 marzo, dalle 20.30 alle 21.30, quando scatterà l’Earth Hour - L'Ora della Terra, evento globale di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici promosso dal Wwf, al quale anche quest’anno aderisce il Comune di Firenze con l'assessorato all'ambiente e lo Sportello EcoEquo.

 

Saranno spenti Palazzo Vecchio, la facciata e la Torre di Arnolfo; spegnimento parziale per Ponte Vecchio; Abbazia San Miniato al Monte; Statua del David al piazzale Michelangelo; la navata superiore del Duomo e parte della Cupola; il complesso monumentale della Basilica Santa Croce; Palazzo Sacrati Strozzi e Palazzo Medici Riccardi.

 

È inoltre in programma, rende noto in un comunicato il Comune di Firenze, presso l'Osservatorio astrofisico di Arcetri, a partire dalle 19.45, l'osservazione della volta celeste in collaborazione con l'Osservatorio astrofisico di Arcetri e l'Associazione astronomica amici di Arcetri, che per l'occasione metteranno a disposizione dei cittadini i loro telescopi. 

 

Contestualmente verrà allestita la Bolla, che fa parte di 2030+2C, un’iniziativa culturale di Legambiente Firenze per la sensibilizzazione sui cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. Si tratta di una struttura pneumatica appositamente progettata dallo studio di architettura Analogique per questo evento: simula un ambiente artificiale che ricrea uno scenario futuribile, collocato nel 2030, nel quale la temperatura dell’atmosfera, per effetto dei gas serra, ha raggiunto la soglia di +2°C rispetto alla temperatura media calcolata anteriormente alla rivoluzione industriale. 
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.