Caldo, domani scatta l’allerta rossa a Firenze

Cronaca
26/06/2019

L’assessore Vannucci ai medici di famiglia: 'Avviate il servizio di sorveglianza attiva per gli anziani soli''

Continua l’allerta per il caldo a Firenze. 

Se per la giornata di oggi, mercoledì 26 giugno, è stato diramato il codice arancione per le temperature elevate, per giovedì 27 giugno è prevista l’allerta codice rosso. Domani, infatti, fa sapere la Protezione Civile del Comune di Firenze, la temperatura massima percepita sarà di 38°

 

In condizioni di caldo estremo, le fasce di popolazione più colpite sono specialmente quelle che vivono nelle grandi città, in zone con poco riparo all’ombra, in abitazioni surriscaldate e con scarsa ventilazione. Rischiano di più le persone anziane, specialmente se malate e in solitudine, che possono sviluppare rapidamente disidratazione, subire un aggravamento di patologie croniche o essere vittime di un colpo di calore. 

 

“I nostri anziani e la loro salute ci stanno molto a cuore e sono una delle nostre priorità - ha detto l’assessore a Welfare di Firenze Andrea Vannucci - Non sono soli perché noi siamo loro vicini con servizi di qualità sia a livello sanitario che sociale. Il loro benessere è sempre al centro delle nostre azioni amministrative”. “In questi giorni di caldo è importante tenere alta l’attenzione nei loro confronti - ha spiegato Vannucci - Consiglio a tutti di mettere in atto atteggiamenti di prudenza, dal non uscire nelle ore più calde a bere più spesso e mangiare alimenti leggeri”.

 

L’assessore Vannucci ha rivolto anche un appello ai medici di famiglia: “Avviate il servizio di sorveglianza attiva appena vedete che ce n’è bisogno per gli anziani soli: è un servizio che garantisce un monitoraggio telefonico costante, in favore di anziani segnalati come a rischio”.

 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.