Firenze, Fridays For Future in presidio per chiedere la dichiarazione di emergenza climatica

Cronaca
15/06/2019

Presidio in piazza San Firenze

Il movimento Fridays For Future organizza un presidio in piazza San Firenze per chiedere al Comune di Firenze la dichiarazione di emergenza climatica. 

 

Il presidio si terrà unedì 17 giugno, in concomitanza con l'insediamento del consiglio comunale di Firenze, alle 15.30.

 

"Siamo contenti di apprendere che il consiglio della regione Toscana abbia approvato la mozione di dichiarazione di emergenza climatica, come richiesto dal nostro movimento e come già fatto da vari stati, paesi e città del mondo. La dichiarazione di emergenza climatica è solo il primo passo di un lungo percorso. Se alle parole non si affiancano fatti l’intera operazione perde completamente di senso. Siamo in uno stato di emergenza, esattamente come se fossimo in guerra assediati da un esercito accampato fuori dalle mura della nostra città e finalmente siamo in grado di riconoscerlo ufficialmente. Si, sono passati molti anni da quando hanno iniziato ad avvertirci che saremmo arrivati a questo, da quando la nostra metaforica guerra è iniziata, ma finalmente (meglio tardi che mai) riusciamo a riconoscere l’emergenza. Questo però non basta. Adesso che facciamo? Continuiamo con i soliti progetti, con le solite politiche di prima? Deve essere chiaro, riconoscere di essere in uno stato di emergenza significa agire nell’interesse di uscire dall’emergenza, e per questo molti provvedimenti devono essere fatti subito. Se alcuni dei provvedimenti richiesti prevedono pianificazione, consultazioni e sblocchi di risorse che non possono essere immediatamente disponibili, alcune cose possono e devono essere fatte immediatamente", si legge nella nota diffusa da Fridays For Future Firenze.

 

"Per fare un paio di esempi - si legge - non si può pensare in uno stato di emergenza climatica di potenziare un aeroporto come quello di Firenze, costruendo un nuovo aeroporto a tutti gli effetti, che aumenterebbe esponenzialmente il numero di voli. L’aereo è il mezzo che emette più CO2 superando il treno di 50 volte in termini di emissioni. Un progetto completamente contrario alla situazione di emergenza climatica che stiamo vivendo. Come se in una città assediata in stato di emergenza si utilizzassero le poche risorse disponibili per dare un aiuto agli assedianti invece che per trovare una via di uscita. Siccome fino ad ora la Regione Toscana ha sostenuto il progetto dell’aeroporto, vogliamo dargli l’idea che forse, per essere coerenti con le dichiarazioni fatte, le prime azioni da sostenere dovrebbero essere la cancellazione dei progetti che vanno in direzione contraria a quella necessaria alla nostra sopravvivenza e alla transizione ecologica: è necessario cancellare il nuovo aeroporto di Firenze e, per fare un altro esempio, cancellare l’inceneritore di Case Passerini (il cui progetto non è ancora stato cancellato definitivamente). Un inceneritore inquina e produce polveri sottili e a Firenze non produciamo abbastanza rifiuti da farlo funzionare in continuo e dovremmo importare rifiuti da fuori. Inoltre per quanto riguarda il recupero energetico, un inceneritore rilascia molti più gas climalteranti di una centrale a carbone a parità di energia elettrica prodotta".

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.