La Casa di Carta, Netflix lancia il trailer ufficiale: c’è anche Firenze

Curiosità
04/06/2019

La terza stagione andrà in onda dal 19 luglio

Sta per arrivare la terza stagione de La Casa di Carta, andrà in onda su Netflix a partire dal 19 luglio, e a poco più di un mese dalla sua apparizione sul piccolo schermo ieri, lunedì 3 giugno, è uscito il trailer ufficiale della serie spagnola.

 

Dobbiamo salvare Rio” è la nuova missione. Già alla fine maggio Netflix aveva rilasciato un teaser in cui il Professore spiega il motivo del ritorno della banda: “Tutti coloro che vedono questa maschera come un simbolo della resistenza, capiranno il motivo del nostro ritorno. La polizia ha arrestato uno di noi ed è tenuto prigioniero in un luogo sconosciuto. Non avevamo intenzione di tornare, ma vista la situazione, ci vediamo costretti a reagire. E questa volta… faremo le cose in grande”.

 

Nuovi e vecchi membri nella banda. Tra i personaggi già conosciuti ci sono: Álvaro Morte “Il Professore”; Ursula Corbero “Tokyo”; Jaime Lorente “Denver”; Miguel Herrán “Rio”; Darko Peric “Helsinki”; Alba Flores “Nairobi”; Esther Acebo “Stoccolma”; Itziar Ituno “Raquel Murillo”; Enrique Arce “Arturo”; Kiti Mánver “Mariví”; Juan Fernández “Colonnello Prieto” e Mario de la Rosa “Suarez”. A loro si aggiungono: Hovik Keuchkerian “Bogotà”; Najwa Nimri “Alicia”; Fernando Cayo “Tamayo” e Rodrigo de la Serna “L’ingegnere”.

 

Al termine del trailer uscito ieri, l’assaggio di una delle scene girate a Firenze, nella quale appare Berlino. Ma non era morto? Eppure in quel frangente si vede l’incontro del Professore con Pedro Alonso, l’interprete di Berlino, in piazza del Duomo. Chissà quale ruolo avrà nella nuova serie?

 

Immagini tratte dal trailer di Netflix

 

Firenze, folla in delirio per le riprese de 'La casa di carta'

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.