Prato, nuova Radiofarmacia dell’ospedale Santo Stefano e nuovo Centro PET

Prato
22/05/2019

La Medicina Nucleare di Prato diventa centro di riferimento nella cura dei pazienti oncologici

Per l’utilizzo dei radiofarmaci innovativi, soprattutto nel settore oncologico, l’Azienda Usl Toscana centro sta già operando su due importanti fronti, strutturale e tecnologico, che stanno portando l’ospedale Santo Stefano di Prato a diventare il centro aziendale più avanzato della diagnostica e delle terapie oncologiche.
 

Questa mattina, mercoledì 22 maggio, sono stati presentati gli investimenti direttamente nei locali dell’ospedale che accoglieranno i cambiamenti strutturali, alla presenza tra gli altri del direttore dell’ospedale Santo Stefano, Roberto Biagini, e del direttore di Medicina Nucleare dell’ospedale Santo Stefano, Stelvio Sestini.
 

Il primo investimento, fa sapere l’ufficio stampa Ausl Toscana centro, è nel campo della Radiofarmacia con l’adeguamento strutturale e tecnologico dell’attuale Radiofarmacia negli spazi del lato sud dell’ospedale Santo Stefano. Il secondo, invece, riguarda l’introduzione a Prato di due apparecchiature PET (Positron Emission Tomography) - TAC di ultima generazione in grado di fornire prestazioni diagnostiche accurate sia a scopo diagnostico che a scopo terapeutico: una in sostituzione della attuale PET e la seconda in aggiunta alla prima. “Con queste nuove apparecchiature Pet-Tac – ha spiegato Stelvio Sestini, direttore Medicina Nucleare dell’ospedale Santo Stefano - si dà la possibilità ai pazienti di poter eseguire per alcune classi tumorali esami in un’unica seduta, in un’unica volta, cioè, un esame Pet e un esame Tac che saranno refertati direttamente dal radiologo e dal medico di medicina nucleare”.
 

L’ampliamento strutturale della Radiofarmacia e del Centro PET con le rispettive strumentazioni, verrà attuato per fasi. I primi lavori riguarderanno la Radiofarmacia, la cui realizzazione è prevista entro il 2019, per un costo complessivo tra interventi e apparecchiature di 550mila euro. Successivamente partiranno i lavori di adeguamento dei locali per la PET-TAC per un costo complessivo stimato in circa 3 milioni di euro.
 
 

Foto dell'Ausl Toscana centro

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.