Aeroporto Peretola, via ai lavori contro il rischio inondazioni

Cronaca
15/05/2019

Intervento per 2 milioni di euro, 7 mesi di lavori

Sono iniziati ieri mattina, martedì 14 maggio 2019, i lavori all'aeroporto Amerigo Vespucci di Peretola per la realizzazione delle casse di laminazione che metteranno lo scalo al riparo dalle inondazioni.

 

Dopo il taglio del nastro l'assessore regionale ai trasporti ha detto di "giudicare di buon auspicio l'avvio dei lavori poiché l'intervento è certamente a servizio dell'attuale pista, ma metterà in sicurezza anche quella da realizzare". L'ha giudicata "un'opera ambientalmente rilevante poiché le acque saranno raccolte, trattate e depurate per poi essere reimmesse in rete. Si tratta di lavori per un importo di circa 2 milioni di euro e della durata di circa 7 mesi". Così riporta una nota della Regione Toscana.

 

Secondo l'assessore è "un ulteriore passo verso quella soluzione per la quale la Regione si è molto adoperata: creare un sistema aeroportuale toscano con un'unica società in grado di gestire sia lo scalo pisano che quello fiorentino".

Ha poi sottolineato come i numeri del movimento passeggeri dei primi tre mesi del 2019 diano ragione a questa scelta, con un incremento dell'1,7% a Pisa e dell'1,5% a Firenze.

 

Ha infine espresso l'auspicio che tutto possa proseguire come nei programmi, ovvero con l'inizio dei lavori per il nuovo masterplan entro il mese di ottobre prossimo. 

 

"Dopo il progetto per eliminare lo storico semaforo all’inizio dell’A11, iniziano i lavori per il miglioramento idraulico-ambientale dell'aeroporto di Firenze, idonei per la nuova pista. Piccoli passi avanti per uno scalo sempre più sicuro e moderno, siamo sulla buona strada!", commenta su Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella.

 

(foto di Dario Nardella)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.