Firenze, furti seriali sui treni: arrestato un 50enne

Cronaca
15/05/2019

Scambiava i giubbotti sui convogli impossessandosi del contenuto

La polizia ha arrestato un cittadino italiano di 50 anni accusato di furto pluriaggravato continuato.

 

Il fatto risale a domenica, quando, intorno alle ore 14.05, dopo uno scambio di informaziomi tra la locale Polfer e quella del Compartimento Lombardia per il rintraccio del presunto autore di furti seriali in ambito ferroviario, gli agenti della Polfer di Firenze hanno individuato un soggetto, già noto alle Forze di Polizia, a bordo di un treno regionale diretto ad Empoli.

 

L’uomo, si legge in una nota della Polfer, è stato colto in possesso di un giubbotto, di 400 euro in contanti e di un paio di occhiali da sole, tutti proventi di un furto consumato poco prima ai danni di una persona a bordo di un treno ad alta velocità nella stazione di Santa Maria Novella.

 

Grazie al circuito di videosorveglianza della stazione e di quello a bordo treno è stato possibile riscostruire ed accertare almeno quattro furti a carico del 50enne avvenuti tra sabato e domenica scorsa.

 

Il modus operandi dell’uomo, già gravato da numerosi precedenti penali e di polizia in ambito ferroviario, risultava essere semplice ed efficace: saliva nelle carrozze di prima classe dei treni in transito a Santa Maria Novella appendendo il suo giubbotto di turno, spesso provento del furto precedente, accanto a quello di un viaggiatore. Successivamente li scambiava e, dopo essere sceso velocemente dal convoglio prima della sua partenza, ne controllava il contenuto, impossessandosi soltanto di denaro contante ed oggettistica non rintracciabile, compreso il capo d’abbigliamento.

 

Ieri mattina dopo la convalida dell’arresto l’uomo è finito dentro il carcere di Sollicciano.

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.