Rifiuti abbandonati e bruciati, denunciate due persone a Figline

Cronaca
10/05/2019

Sanzionati anche due dipendenti di un'azienda agricola vivaistica

Accumuli di materiali e residui di combustioni di rifiuti su un terreno incolto nel territorio di Figline e Incisa Valdarno.

 

I militari della Forestale di Figline e Incisa Valdarno, col supporto di personale della Polizia Municipale, a seguito di segnalazioni ricevute da alcuni cittadini, si sono recati in località Carresi, trovando su un terreno incolto recintato, accessibile tramite transenna mobile, svariati accumuli di materiali diversi. 

 

Oltre a questi, i carabinieri hanno trovato anche residui di illecite combustioni di rifiuti, rende noto l'Arma in un comunicato: residui vegetali insieme a un frigorifero con motore elettrico e accessori vari, resti di mobili e pannelli in legno, e un cumulo di onduline in fibrocemento, la cui presenza di amianto è in fase di accertamento.

 

A seguito di accurate indagini, i militari hanno accertato che la responsabilità del deposito incontrollato di rifiuti era da attribuirsi all’ex affittuario del fondo, deceduto nel 2018, mentre la responsabilità delle combustioni illecite di rifiuti, era da attribuirsi a due persone di nazionalità italiana: il proprietario del terreno, per aver materialmente dato fuoco ai rifiuti usando una tanica in plastica contenente liquido non definito; e il dipendente di un’azienda agricola vivaistica, avente la disponibilità e l’uso del terreno, per aver fatto appiccare il fuoco. 

 

Elevate inoltre due sanzioni amministrative a carico di due dipendenti dell’azienda agricola vivaistica, per aver eseguito degli abbruciamenti di residui vegetali dal 1° al 5 aprile 2019, in periodo definito a rischio di incendio boschivo, in base a quanto stabilito dalla Regione Toscana.
 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.