Sanità, arriva il Piano della Toscana per limitare le liste d’attesa

Cronaca
07/05/2019

Il Piano della Toscana introduce misure più stringenti di quelle del Piano nazionale

Separare il primo accesso dalla successiva presa in carico; riorganizzare il rapporto tra domanda e offerta; garantire il rispetto dei tempi di erogazione delle prestazioni in base ai codici di priorità fissati; attivare "percorsi di tutela" del cittadino; e contenere le prestazioni in intramoenia. Sono alcune delle misure contenute nel Piano regionale di governo delle liste di attesa 2019-2021, varato dalla giunta della Regione Toscana nella seduta di ieri, lunedì 6 maggio, su proposta dell'assessore al diritto alla salute.

 

Il Piano regionale (PRGLA) recepisce in gran parte le linee di indirizzo del Piano Nazionale Governo Liste di Attesa (PNGLA), siglato con l'intesa Stato-Regioni del 21 febbraio 2019. Ma il Piano della Toscana introduce misure anche più stringenti di quelle previste dal Piano nazionale, alcune delle quali erano già contenute nelle delibere approvate dalla giunta nei mesi passati. 

 

Le aziende, rende noto l’agenzia di informazione della Giunta Regionale, avranno 60 giorni di tempo dall'approvazione della delibera per mettere in pratica le regole fissate dalla Regione.

 

Tra i punti salienti del Piano regionale, quello di garantire il bilanciamento della domanda e dell'offerta mediante la riorganizzazione dell'offerta e dell'accessibilità alle prestazioni specialistiche ambulatoriali, con la definizione di elenco e volumi di prestazioni ambulatoriali, in risposta ai fabbisogni previsti.

 

Il piano indica anche la necessità di separare completamente le prime visite dalle successive visite di controllo o follow up. Nella prima visita il problema clinico principale del paziente è affrontato per la prima volta, viene predisposta l'appropriata documentazione clinica e impostato un eventuale piano diagnostico-terapeutico. Nelle visite di controllo, il problema è già stato inquadrato dal punto di vista diagnostico e terapeutico e viene rivalutato dal punto di vista clinico e aggiornata la documentazione esistente. Per quanto riguarda il primo accesso, deve essere garantito entro 72 ore se urgente, 10 giorni se l'urgenza è definita breve, e negli altri casi entro 15/30 giorni per le visite specialistiche ed entro 30/60 giorni per le prestazioni diagnostiche. Le prestazioni di accesso successivo devono essere gestite con una corretta pianificazione della presa in carico e del follow up; in particolare dovrà essere garantita la presa in carico da parte dello specialista per il controllo dei propri pazienti, riducendo il fenomeno della frammentazione dei percorsi di presa in cura.

 

Nei punti principali del Piano regionale anche il rispetto dei codici di priorità. Questi i codici: Classe U, Urgente, da eseguire nel più breve tempo possibile, e comunque entro le 72 ore; Classe B, Breve, da eseguire entro 10 giorni; Classe D, Differibile, da eseguire entro 15/30 giorni per le visite o 30/60 giorni per gli accertamenti diagnostici; Classe P, Programmata, da eseguire entro 120 giorni.

 

Se la prestazione non è disponibile nei tempi massimi previsti, l'azienda dovrà attivare un "percorso di tutela" per il cittadino. Ciò consiste in prima istanza nell'inserimento in una pre-lista: il team di Gestione operativa dovrà procedere alla ricerca di ulteriori spazi disponibili, tramite riutilizzo di potenziali posti liberi, oppure prevedendo percorsi alternativi presso un erogatore privato, in libera professione o in attività aggiuntiva. Viene confermato quale ulteriore canale per l'attivazione dei percorsi di tutela il Numero verde regionale: 800 556060.

 

Sono abrogate le indicazioni in merito al cosidetto bonum, l’indennizzo di 25 euro per alcune prestazioni non garantite nei tempi massimi, poiché il diritto dell'utente è garantito dall'attivazione del percorso di tutela; viene invece confermato il malum in caso di mancata disdetta della prestazione almeno 48 ore prima della data prenotata.

 

Un altro punto è quello della gestione della libera professione. Nel caso che l'attività svolta in regime di libera professione, intromoenia, superi quantitativamente quella svolta in regime istituzionale, o si verifichi comunque uno sforamento dei tempi massimi di attesa in regime istituzionale, le Aziende devono attuare una strategia di progressivo contenimento delle prestazioni libero professionali, a favore di una maggiore erogazione di prestazioni istituzionali, ridefinendone le proporzioni, anche prevedendo il totale blocco dell'attività libero professionale, fino al risolversi della criticità. Da sottolineare che queste misure sono le stesse indicate dal Piano nazionale.

 

L'Osservatorio sulle liste di attesa garantirà il monitoraggio e la verifica dell'applicazione delle indicazioni contenute nel Piano.

 

Rispetto a quello nazionale, il Piano regionale prescrive misure e tempi più stringenti. Per esempio, per la classe di priorità D si conferma un tempo di attesa massimo pari a 15 giorni, a fronte dei 30 nazionali, per le seguenti visite: cardiologia, neurologia, oculistica, ortopedia, ginecologia, otorino, urologia, dermatologia, oncologia e chirurgia generale. Tempo di attesa massimo pari a 30 giorni, a fronte dei 60 nazionali, per le prestazioni di: ecografia addome, ecocolordopplergrafia cardiaca, ecografia del collo, ecografia mammella, ecografia osterica e ginecologica, endoscopia digestiva, ECG, ECG Holter, esame fundus oculare, compresa fotografia.
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.