Firenze noir, il delitto del barbiere

Cronaca
13/04/2019

Perchè i barbieri sono chiusi di Lunedì? 

Perchè i barbieri sono chiusi di Lunedì? 

 

Ce lo spiega Giorgio Vasari ne "Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architetti" e, per farlo, ci racconta una pagina di sangue di Firenze. 

 

In una stanza vicino a Santa Croce fu trovato il cadavere di una prostituta di nome Mariuccia. Lo stato in cui il corpo fu trovato destò molto scalpore: alla donna era stata tagliata la gola mentre andava alla finestra, probabilmente per aprirla e chiedere aiuto. La stanza era piena di sangue al punto che perfino le forze dell'ordine dell'epoca rimasero inorriditi.

 

Nonostante le condizioni della scena del crimine, non emersero testimoni e per molti mesi le indagini rimase in una posizione di stallo. Presso un mercante ebreo fu ritrovata una gonna di tulle che la ragazza usava per esercitare la sua professione e ben presto si risalì al barbiere  Antonio di Vittorio Ciani, che aveva un negozio nella zona di Porta Romana.

 

L'uomo confessò il delitto, aveva ucciso Mariuccia a causa della gelosia. Fu giustiziato di Lunedì. I barbieri di Firenze, scossi dalla notizia, chiusero le loro botteghe per assistere all'esecuzione. Da allora, secondo il Vasari, il lunedì divenne il giorno di chiusura dei barbieri.

 

Foto di repertorio

 

 

 

Agnese Paternoster
 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.