Firenze noir, il delitto del castello dell'Acciaiolo

Scandicci
01/05/2019

Un omicidio imperfetto

Il castello dell'Acciaiolo di Scandicci è un luogo di festa: in molti hanno festeggiato matrimoni, lauree e lieti eventi fra le sue mura o nel giardino. Ma...non sempre è stato così: fra le mura di questo fortino del XIV secolo si è svolto uno dei fatti di sangue più noti della storia di Firenze.

 

Siamo nel XVI secolo. Nel castello vivono Neri di Piero Davizzi - esponente di spicco della famiglia di banchieri che possiede il Castello- e la moglie. Il matrimonio non è felice, probabilmente non lo è mai stato. Sono tante le voci che corrono nel paese: il signore del castello vuole liberarsi della sua sposa, ma come farlo? Con il veleno. Sono in tanti a giurare di aver sentito l'uomo lamentarsi: molte volte ha dato alla donna bevande e cibi corretti con sostanze tossiche o letali, ma sembrano non far effetto.

 

Gli storici sono concordi nel ritenere che la donna fosse confinata in una stanza, quasi in prigione.

 

Un giorno la donna muore e tutti puntano il dito. Il signore ha finalmente ottenuto il suo scopo. Parte un processo breve, un'inchiesta dove si scopre che più volte l'uomo ha interpellato maghi, ciarlatani e medici alla ricerca di un veleno perfetto per un crimine chiaramente errato. 

 

L'uomo viene condannato al carcere a vita presso il Mastio di Volterra. Ma la famiglia è troppo ricca e troppo potente e l'onta troppo grande: dopo pochi anni l'omicida verrà liberato. L'ergastolo sarà trasformato in una pena al confino di almeno 100 miglia dallo stato.

 

 

Agnese Paternoster
 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.