Empoli, nell'oasi Arnovecchio la liberazione pubblica di alcuni esemplari di rapaci diurni

Empoli
25/03/2019

Saranno liberati esemplari di Poiana e Gheppio

Nell'oasi naturale protetta Arnovecchio domenica 31 marzo 2019, alle 10, verranno liberati alcuni esemplari di rapaci.

 

Una liberazione pubblica organizzata dal Centro RDP Padule di Fucecchio, che gestisce l'area per conto del Comune di Empoli, in collaborazione con Legambiente Empolese-Valdelsa.


Gli animali che saranno liberati, come riporta una nota del comune di Empoli, sono rapaci diurni trovati in difficoltà per fratture o altri gravi problemi e provengono dal sistema di recupero Toscana Centro coordinato dall’azienda USL struttura Veterinaria e Igiene Urbana di Firenze. Le operazioni di recupero, degenza post-operatoria e riabilitazione sono state condotte in modo sinergico nei due centri recupero animali selvatici autorizzati SEMIA Onlus di Montespertoli e CeTRAS di Empoli.

 

Verranno liberati alcuni esemplari di Poiana e Gheppio. Dopo la liberazione, gli interessati potranno partecipare ad una visita guidata nell’area naturale per scoprire le prime fioriture primaverili lungo il percorso naturalistico e gli uccelli acquatici che frequentano il lago.
 

L’accesso all’evento è libero e non occorre prenotazione: si consiglia, per chi può, di raggiungere l’oasi in bicicletta, mentre chi viene in auto può parcheggiare nella vicina frazione di Cortenuova e proseguire a piedi su via Arnovecchio (500 metri) in direzione Fibbiana-Montelupo.

 

Nel mese di marzo l’area naturale protetta di Arnovecchio è sempre aperta nei giorni di sabato (ore 15-18) e domenica (ore 9-12); in aprile i giorni di apertura sono gli stessi, ma il sabato pomeriggio l’orario slitta in avanti di mezz’ora (15.30-18.30).

 

Foto di Paolo Caciagli

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.