Firenze, commemorati i cinque martiri fucilati dai fascisti allo stadio nel '44

Cronaca
22/03/2019

Ottorino Quiti, Antonio Raddi, Adriano Santoni, Guido Targetti e Leandro Corona

Nel 22 marzo del 1944 cinque ragazzi poco più che ventenni, di cui quattro originari di Vicchio, furono fucilati dai fascisti sotto la torre di Maratona dello stadio. 


Questa mattina il Comune di Firenze e il Quartiere 2 hanno ricordato solennemente Ottorino Quiti, Antonio Raddi, Adriano Santoni, Guido Targetti e Leandro Corona, davanti al sacrario di Campo di Marte


Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, la vicesindaca e assessora all’educazione Cristina Giachi, il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi, il sindaco di Vicchio Roberto Izzo e il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani. Con loro c’erano, oltre ai familiari delle vittime, anche gli studenti delle scuola primaria Carducci, delle scuole secondarie di primo grado Dino Compagni e Mazzanti di Firenze e Giotto di Vicchio, degli istituti superiori Ginori-Conti, Cellini, Peano, Saffi e del liceo scientifico Gramsci.


"Sul dolore scriviamo parole di bellezza e usiamo la memoria perchè questo è il bene più prezioso che ci hanno lasciato coloro che sono morti per un ideale come questi cinque ragazzi - ha sottolineato la vicesindaca Giachi - che forse non sapevano neanche cosa gli stava accedendo ma che scelsero di dire di no alla leva per un patria che non riconoscevano come tale. Oggi ricordiamo anche il partigiano Silvano Sarti e il suo pensiero saldo e sicuro che in questi anni ha ispirato tutti noi". "Commemorando e ringraziando coloro che sono morti per la nostra libertà bisogna anche cosa ricordare bene che le libertà garantite dalla Costituzione sono nate grazie al sacrificio di ha combattuto per questo. Anche per la libertà di coloro che oggi celebrano il fascismo dimenticando che cosa è stato. Di fronte al ricordo di questi cinque ragazzi dobbiamo dire con fermezza no ai nuovi fascisti".


La vicesindaca si è soffermata anche sulla manifestazione di Forza Nuova che si terrà domani a Prato. “È un errore consentire la manifestazione di domani a Prato – ha concluso la vicesindaca – ignorando il dolore e la perdita di tante vite come quella dei martiri del fascismo che oggi abbiamo ricordato a campo di Marte. È un errore ignorare la costituzione e il divieto esplicito di dar campo a idee che si rifacciano al partito fascista. Critichiamo con forza la decisione di autorizzare la manifestazione di Prato: così non solo la Costituzione, ma anche il principio sacrosanto della doverosa memoria civile sono violati”.


Hanno accompagnato la cerimonia i “Canti della Resistenza” del coro Novecento di Fiesole, diretto da Elena Mercuri e Giacomo Gentiluomo.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.