Firenze, un nuovo polo scolastico Meucci-Galilei. Nardella: 'Investimento da 40 milioni'

Cronaca
18/03/2019

Il sindaco sul crollo del controsoffitto: 'Abbiamo denunciato il fatto. Dichiarazione mendace della ditta che ha fatto i lavori'

Assemblea al Meucci nella serata di venerdì 15 marzo 2019, con la partecipazione del sindaco Nardella, del presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni, dei presidi degli istituti Meucci e Galilei dei rappresentanti dei genitori e degli studenti. Si è discusso dei fatti di lunedì scorso, con il crollo del controsoffitto che porta alla palestra, e del futuro della scuola: nascerà un nuovo polo scolastico Meucci-Galilei.

 

"E' un fatto gravissimo quanto accaduto nel corridoio che porta alla palestra", ha detto il sindaco Dario Nardella. "Il controsoffitto che ha ceduto è stato realizzato nel corso di lavori completati nel 2017. Quel lavoro è stato fatto e certificato dalla ditta esecutrice. Avevano certificato di aver messo in sicurezza il soffitto. È una dichiarazione mendace e falsa, evidentemente. Abbiamo denunciato alla camera di commercio e all'autorità nazionale questo fatto. Non era mai successo in 5 anni in nessuna scuola della provincia. Questa ditta ha operato solo in questo caso. Abbiamo disposto ulteriori controlli a tappeto su tutta la struttura della scuola. La ditta si è immediatamente resa disponibile a fare i lavori gratuitamente. Noi abbiamo rifiutato, vogliamo sapere prima di chi è la responsabilità. I lavori li faremo noi con somma urgenza. Se accettassimo i lavori gratuiti, sarebbe come risolvere tutto come una pacca sulla spalla".

 

Poi rassicurazioni a genitori, insegnanti e studenti: "La scuola è utilizzabile, è sicura. Abbiamo la dichiarazione del responsabile dell'edilizia scolastica del territorio. Non mi sento di biasimare i ragazzi che in questi giorni hanno voluto esprimere la loro protesta. Ma è stata una protesta costruttiva", ha detto Nardella. Una protesta che ha portato alla richiesta di costruzione di una nuova scuola, più sicura, per consentire agli studenti di domani di studiare in sicurezza.

 

Una richiesta avanzata da studenti, genitori e dal dirigente dell'istituto Meucci, unitamente al dirigente del Galilei. Una nuova scuola nella zona dov'è adesso collocata. "Al Meucci sono stati investiti 1,6 milioni di euro tra il 2016 e il 2018 per lavori di adeguamento", ha ricordato Nardella. "Ma si tratta di un prefabbricato costruito negli anni '60, che doveva essere una struttura provvisoria ma è diventata definitiva".

 

"Vogliamo una scuola vera. Si potrebbero utilizzare tutti questi soldi per fare una nuova scuola in cemento armato", ha così aggiunto il preside del Meucci, Luciano Maresca. A cui si sono unite le richieste di genitori e alunni. "Ci abbiamo lavorato due giorni e mezzo, e sono venute fuori due ipotesi", ha poi risposto Nardella. Abbiamo pensato alla ex caserma Lupi di Toscana, di proprietà del Comune, ma con la cittadinanza avevamo intrapreso altre ipotesi di utilizzo. Qui verrebbe il polo scolastico più grande di Firenze. È la prima ipotesi, con una serie di difficoltà ma superabili".

 

Poi, l'ipotesi più concreta: "Un'altra ipotesi sarebbe quella di utilizzare i terreni liberi alle spalle del Meucci e del Galilei. Sarebbe una superficie sufficiente per fare un nuovo polo scolastico. Con un preventivo abbiamo calcolato che sarebbero necessari 37,5 milioni di euro per realizzare le due nuove scuole. In più bisognerebbe acquistare l'area per esproprio. Con un impegno complessivo da 40 milioni di euro. La città metropolitana si impegna ad accedere a queste risorse, e farà un mutuo per realizzare le nuove scuole. Ci vorrà un progetto complesso, da 2 milioni. Proveremo a fare una scuola più ecosostenibile possibile, con impianto geotermico e che possa utilizzare l'energia solare. Una scuola all'avanguardia anche per l'uso di materiale. Ci piacerebbe fare con i ragazzi un percorso di partecipazione. La progettazione dovrebbe riguardare il 2019. Dal 2020 partirà tutta la procedura del bando di gara e negli anni a venire la realizzazione", ha concluso Nardella.

 

(foto dal canale Youtube dell'Itis Meucci)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.