Tagli boschivi senza autorizzazione e irregolarità sul luogo di lavoro, denunciate tre persone a Firenzuola

Mugello
27/02/2019

Sanzioni per oltre 3mila euro

Accertamenti per i tagli boschivi nel Comune di Firenzuola.  

 

Per quanto riguarda il taglio boschivo in località “Castro San Martino - Roncopiano”, i carabinieri della Forestale di Barberino di Mugello, con il supporto delle Stazioni di Ceppeto e Borgo San Lorenzo, hanno contestato al titolare dell’impresa boschiva di aver eseguito il taglio di un bosco di faggio non rispettando il vincolo paesaggistico che insiste sull’area e effettuando un taglio senza l’autorizzazione paesaggistica, prevista dal Testo Unico Ambientale, e in difformità sostanziale dell’atto rilasciato dall’Unione Montana dei Comuni del Mugello.

 

Per quanto accertato, si legge nel comunicato dell’Arma, è stata disposta una sanzione amministrativa, connessa al reato, in applicazione alla legge regionale, dell’importo di 2528 euro.

 

Nell’altro taglio boschivo in località “Monte la Fine”, i militari hanno invece contestato al titolare della ditta boschiva una serie di violazioni alla normativa che tutela la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. In particolare: la non informazione e formazione dei lavoratori compreso l’addestramento, in relazione ai rischi e alle lavorazioni effettuate nei cantieri boschivi; non aver preso i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza; non aver fornito ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale; aver utilizzato attrezzature di lavoro non conformi alle disposizioni normative. 

 

Anche in questo caso sono state elevate sanzioni amministrative.

 

Per tutte le irregolarità riscontrate, tre persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria.
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.