Firenze, ripresi i lavori alle alberature di viale Galilei

Cronaca
04/02/2019

Nuove aggiornate valutazioni sulle alberature

Sono ripresi i lavori di sostituzione delle alberature in viale Galilei. I lavori, ripresi questa mattina, erano stati interrotti a causa delle basse temperature e delle sfavorevoli condizioni meteorologiche.

 

“Continuiamo – ha spiegato l’assessore all’ambiente Alessia Bettini – nella nostra cura del patrimonio arboreo intervenendo in maniera strutturale, con la sostituzione delle piante a rischio con un numero pari e spesso maggiore di alberi, così che il saldo fra vecchi e nuovi alberi sia sempre largamente positivo”.

 

In questa fase, come riporta una nota del comune di Firenze, è stata posta particolare attenzione al mantenimento delle alberature esistenti, facendo effettuare da nuovi professionisti ulteriori aggiornate valutazioni rispetto a quelle risalenti alla redazione del progetto due anni fa che hanno permesso di ridurre a 29 esemplari di tiglio il numero degli alberi ancora da rimuovere. Seguiranno poi i reimpianti di 60 nuovi tigli per completare questa parte d'intervento. Terminata questa fase, seguirà nei prossimi mesi l'ultima parte di intervento sui lecci del viale Galilei.

 

I lavori nel loro complesso proseguono intanto con le altre operazioni previste: ripristino delle pavimentazioni in ghiaia (è stato concluso ieri quello del giardino del Bobolino); ripulitura e smacchiamento delle scarpate del viale dei colli (si concluderà entro la settimana l'intervento sul viale Michelangelo in corrispondenza del posteggio pubblico presente in prossimità del complesso "Sacro Cuore"); riprenderà poi la ripulitura delle scarpate di viale Galilei in corrispondenza di via del Giramontino.

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.