Vive a Firenze con l'auto immatricolata in Francia: 6mila euro di accessi alla ztl mai pagati

Cronaca
09/01/2019

Aveva effettuato 114 accessi alla ztl non autorizzati

Da oltre 10 anni circolava per Firenze con l’auto immatricolata in Francia, senza pagare i numerosi transiti in ztl, ma è stato fermato dalla Polizia Municipale.

 

In più agli oltre 6.000 euro di verbali arretrati, per il conducente è scattata una maxi multa per la violazione delle norme sui veicoli con targa straniera e l’auto è stata sospesa dalla circolazione.

 

L’episodio risale a ieri, martedì 8 gennaio, quando, nel corso di alcuni controlli, una pattuglia dell’Autoreparto ha notato una macchina con targa francese circolare in via Senese. Gli agenti hanno fermato l’auto per alcuni controlli scoprendo che l’uomo alla guida era italiano, residente a Firenze. Da alcuni accertamenti, come riporta una nota del comune di Firenze, è emerso prima di tutto che il mezzo era immatricolato in Francia nel dicembre 2006 e in secondo luogo che tra il 2007 e il 2018 aveva effettuato 114 accessi alla ztl non autorizzati, per un totale di 6.113,68 euro di sanzioni, mai pagate.

 

A suo carico anche la sanzione per la circolazione in Italia di un veicolo con targa straniera, pur essendo il proprietario residente nel paese da oltre 60 giorni, da oltre un anno. La maximulta da 1.424 euro è stata pagata direttamente e quindi l’uomo ha beneficiato della riduzione del 30%. Gli agenti hanno poi sospeso l’auto dalla circolazione.

 

Adesso il fiorentino dovrà reimmatricolare il veicolo entro 180 giorni. Intanto è già stata attivata già la procedura per il recupero della somma dovuta per i verbali non pagati per l’accesso in ztl. 

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.