I bronzi della fontana del Nettuno ‘volano’ verso il restauro: rimosse 9 statue

Home Page
07/11/2018

Rimosse con la gru per essere restaurate

Nove statue bronzee che stanno alla base della fontana del Nettuno di piazza Signoria a Firenze sono state rimosse per essere portate in un laboratorio di restauro.

 

L’operazione, con tanto di imbracatura e gru di 30 metri, ha consentito di far letteralmente ‘volare’ i bronzi, dal peso di alcune tonnellate, fino alla completa rimozione e trasporto in un laboratorio di restauro alla periferia di Firenze.

 

La rimozione dei bronzi non è una novità nella lunga storia della monumentale fontana: solo per citare gli ultimi episodi, le statue furono rimosse durante la seconda guerra mondiale per precauzione contro i bombardamenti, e nel 1874, per lavori alle staffe di sostegno e ai tubi di adduzione idrica. "Oggi la rimozione si rende necessaria per un restauro efficace sia all’esterno ma anche all’interno dei bronzi, particolarmente deteriorati da acqua e agenti atmosferici", scrive in una nota il Comune di Firenze.

 

Le statue, raffiguranti ninfe, fauni e satiri, saranno ‘curate’ in un laboratorio in via Livorno a cura di Ires e Nicola Salvioli Restauri, con un team di otto persone. Il lavoro ai bronzi fa parte del più ampio progetto del restauro alla fontana nel suo complesso, iniziato nel febbraio 2017 e dal costo di 1,5 milioni di euro arrivati dalla maison Salvatore Ferragamo tramite Art Bonus. L’intervento si articola in varie fasi con la pulitura delle superfici marmoree e bronzee, eventuali consolidamenti e protezione finale; inoltre si prevede la sostituzione completa dell’impianto idraulico compresa la parte impiantistica elettrica ed elettronica col risultato che la fontana tornerà a zampillare con un sistema di giochi d’acqua.

 

Negli scorsi mesi, durante la fase più impattante dei lavori che ha praticamente ‘coperto’ il Nettuno, è stato allestito un percorso di visite al cantiere per non privare della vista del ‘Biancone’ per un periodo di tempo così esteso. La fine del restauro è prevista per la prossima primavera.

 

Nel 1559 Cosimo I de’ Medici bandì un concorso per creare la prima fontana pubblica di Firenze, al quale parteciparono i più importanti scultori fiorentini dell’epoca: venne scelto il Nettuno di Bartolomeo Ammannati perché giudicato più significativo nell’esaltare i gloriosi traguardi marinari raggiunti in quei decenni dal Granducato di Toscana. L’apparato scultoreo venne eseguito tra il 1560 e il 1565, e fu inaugurato in occasione delle nozze tra Francesco I de’ Medici e la granduchessa Giovanna d’Austria il 10 dicembre 1565.

 

La figura di Nettuno, realizzata in marmo bianco di Carrara riprende i tratti di Cosimo I de’ Medici, si erge su un piedistallo decorato con le statue di Scilla e Cariddi al centro della vasca ottagonale che contiene i quattro cavalli del cocchio. Ai suoi piedi stanno tre tritoni intenti a suonare delle tibie che zampillano acqua. Agli angoli della vasca sono presenti i gruppi di divinità marine, ciascuna delle quali ha ai piedi un corteo di ninfe, satiri e fauni in bronzo realizzati da Giambologna. La scultura marmorea non riuscì da subito ad ottenere l’apprezzamento dei fiorentini che scherzosamente diedero al Nettuno il soprannome di “Biancone”.

 

(foto del Comune)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.