Firenze, tramvia alle fasi finali: confermate le date. Nuovi fondi per l'estensione

Cronaca
14/05/2018

La Commissaria europea Cretu a Firenze

Date confermate per le linee 2 e 3, così come l'impegno sul completamento del sistema tramviario fiorentino, con l'estensione della tramvia anche nell'area metropolitana fiorentina, da Bagno a Ripoli alla Piana. 

 

Sono le garanzie emerse oggi, lunedì 14 maggio, dall'incontro tra le istituzioni locali, il sindaco Dario Nardella e il presidente della Regione Enrico Rossi, con la Commissaria europea per le politiche regionali Corina Cretu, alla presenza del viceministro dei Trasporti Riccardo Nencini. Presenti anche i rappresentanti delle imprese coinvolte nei lavori per il sistema tramviario, da Gest a Ansaldo, e i Sindaci metropolitani.

 

La Commissaria Cretu ha anche 'testato' in prima persona la tramvia fiorentina, effettuando un giro completo di prova sulla linea 3, da Careggi a Santa Maria Novella, durante i test di collaudo della linea, accompagnata dalle istituzioni. Un viaggio "veloce e senza intoppi" fa sapere il Comune di Firenze.


“Con questo viaggio – sottolinea il sindaco – abbiamo voluto far vedere all’Unione Europa quello che siamo stati capaci di fare perché è doveroso fare un rendiconto non solo formale ma anche sostanziale della nostra capacità di spendere i fondi europei. Siamo soddisfatti perché tramite la commissaria europea Cretu abbiamo un impegno strategico dell’Unione europea a favore del completamento di tutto il sistema tramviario e abbiamo la conferma della disponibilità di ulteriori 40 milioni di euro, che passeranno attraverso i fondi POR, per l’inizio della linea 4 verso Campi Bisenzio e la prosecuzione della linea 2, che arriverà a Peretola e finirà a Sesto Fiorentino al Polo scientifico. E a questi si aggiungeranno i 40 milioni di euro in arrivo dalla Regione”.


“Questo impegno per noi significa moltissimo – aggiunge il sindaco Nardella – perché la Commissione europea ha confermato che la Toscana e Firenze sono le realtà migliori d’Italia dal punto di vista della serietà e capacità di spendere i fondi europei che vengono assegnati per le nostre opere, come nel caso della tramvia. In un Paese dove purtroppo si sente sempre dire che si perdono i fondi europei perché non si realizzano le opere infrastrutturali per le quali sono destinati, Firenze ancora una volta è un esempio in controtendenza e di questo devo ringraziare i tecnici, le ditte e i fiorentini”.


"Pur essendo scaramantico, posso dire che siamo vicini alla meta". Sono le parole di Fabrizio Bartaloni, Presidente di Tram spa, il consorzio delle aziende incaricate di realizzare i lavori delle linee 2 e 3, che assicura la conferma delle date già annuniate per l'entrata in esercizio delle due linee, ovvero 30 giugno per la 3 (Careggi - Stazione Smn) e fine agosto per la 2 (Aeroporto di Peretola - Stazione Smn).

 

"Ce la stiamo facendo e voglio garantire che le date saranno rispettate - continua Bartaloni - non solo assicuriamo la fine dei lavori ma prospettiamo un sistema. Siamo una società che oggi ha dentro i massimi esponenti sia di produzione veicoli sia sotto il profilo del segnalamento, e siamo in grado di essere protagonisti di ogni proposta che ci verrà dalle istituzioni sul prolungamento di questo sistema". 

 

A margine del viaggio di prova, anche l’assessore Giorgetti fa il punto sui tempi sia dell’entrata in funzione delle linee 2 e 3 sia per l’avvio dei lavori delle estensioni e delle ulteriori linee del sistema tranviario: “Le ditte confermano le date della messa in esercizio della linea 3 per il 30 giugno e della linea 2 a fine agosto”.

 

Per quanto riguarda il completamento del sistema, l’assessore Giorgetti aggiunge: “Ad oggi abbiamo già un progetto approvato per la prosecuzione della variante del centro storico, ovvero il tratto dalla Fortezza a piazza della Libertà e piazza San Marco, con l’avvio dei lavori previsto nel 2019. Nel frattempo dato l’incarico di progettazione attraverso un bando per estensione a Sesto Fiorentino e della linea 4 prima a San Donnino poi a Campi Bisenzio”.

 

Gli step successivi sono quelli relativi alle linee verso Bagno a Ripoli e Rovezzano: “per la prima abbiamo già un progetto preliminare sul tratto fiorentino e per la seconda uno studio di fattibilità, ma il nostro obiettivo è avere ulteriori finanziamenti per poter realizzare anche queste linee entro il 2030 in modo da avere 85 milioni di passeggeri trasportati ogni anno nell’intero sistema”.

 

"Siamo di fronte al più grande intervento di risanamento della qualità dell'aria realizzato in Toscana, con un impatto importantissimo in termini di risparmio di CO2 e di polveri sottili per un miglioramento decisivo della qualità della vita dei fiorentini. Noi la consideriamo un'opera strategica alla quale abbiamo destinato 50 milioni di euro, così come dal 2010 contribuiamo alla gestione della linea 1 con 6 milioni di euro l'anno che diventeranno 12 non appena partiranno le linee due e tre. Ci batteremo perché quest'opera possa contare su risorse europee e nazionali oltre che su quelle regionali. I prolungamenti verso Campi e Sesto sono nella fase della progettazione esecutiva e contiamo di far partire i relativi lavori entro il 2020, così da vederli ultimati entro il 2023. Insomma quella di oggi è una bella giornata per Firenze e per la Toscana", sono le parole del presidente della Regione, Enrico Rossi.

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.