'Verità per Giulio Regeni': striscione tolto da Palazzo Vecchio per il G7, poi rimesso. Ma è polemica

Home Page
31/03/2017

Rimosso per il G7 lo striscione 'Verità per Giulio Regeni'

Firenze a sostegno della battaglia per la verità su Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso e torturato a Il Cairo più di un anno fa. Ma per il G7 della Cultura, che ha coinvolto ieri e oggi la città, è stato tolto da Palazzo Vecchio lo striscione 'Verità per Giulio Regeni'. Con tanto di polemica.

 

Polemica montata sui social. "Firenze, G7 per la cultura. Il mondo guarda Firenze... e Firenze toglie lo striscione #veritapergiulioregeni", scrive la pagina Facebook 'Verità per Giulio Regeni'. "Perché perdere un'occasione per ricordare Giulio al mondo?”, scrive su Twitter la pagina 'Giulio Siamo Noi'. 
"Giulio poteva essere il simbolo di questo G7: ha studiato in mezzo mondo, attraversato questa vita con curiosità e passione, è stato un ponte fra diverse culture. Ha visitato Damasco, Aleppo, Palmira, ha toccato con mano un patrimonio ormai scomparso.
Con la rimozione dello striscione è diventato invece il simbolo del fallimento di uno Stato incapace di avere e dare risposte. 
Ministro Dario Franceschini, in nome del Ministero che rappresenta, faccia rimettere lo striscione, mostri al mondo uno dei figli più belli di questo Paese", era l'appello apparso sulla pagina Facebook 'Giulio Siamo Noi'.

 

Per il Cerimoniale di Stato si possono esporre solo bandiere ufficiali. Oggi lo rimettiamo. Perché anche noi vogliamo #veritapergiulioregeni!”, ha risposto oggi il sindaco Dario Nardella, per poi nel primo pomeriggio postare su Twitter la foto con il riposizionamento dello striscione su Palazzo Vecchio, con commento: “Lo striscione #veritapergiulioregeni torna a Palazzo Vecchio, come previsto prima della temporanea rimozione x G7. Noi con Giulio Regeni!”.

 

“Il G7 Cultura si è concluso. 
Il sindaco di Firenze Dario Nardella dopo centinaia di messaggi di protesta, telefonate al centralino del Comune, ha annunciato che lo striscione "Verità per Giulio Regeni" è tornato al suo posto.

Ne prendiamo atto con malinconia. Giulio poteva essere il simbolo di questo G7 ma un cerimoniale pavido e ipocrita ha preferito nascondere agli occhi del mondo uno dei figli migliori di questo Paese", ha poi risposto la pagina Facebook 'Giulio Siamo Noi'.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.