Firenze, multa per chi non raccoglie i bisogni del proprio cane

Cronaca
14/02/2017

Previste multe da 60 a 160 euro

Non raccogliere più gli escrementi del proprio cane potrà costare caro. 

 

Da lunedì 20 febbraio, si legge sul sito del Comune di Firenze, scatteranno i controlli mirati della Polizia Municipale nei confronti dei proprietari degli animali che lasciano i bisogni dell’animale sul marciapiede o nei giardini pubblici

 

“Non si tratta di un accanimento nei confronti dei proprietari di cani – sottolinea l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale, Federico Gianassi – quanto piuttosto di un richiamo al rispetto delle regole. Riceviamo spesso segnalazioni di cittadini che lamentano la presenza di deiezioni canine sui marciapiedi, nei giardini, nelle piazze. Quadrifoglio interviene per la pulizia ma i primi che devono fare la loro parte sono i proprietari dei cani. Raccogliere gli escrementi del proprio animale è un piccolo gesto, un segno di civiltà e di rispetto nei confronti di chi cammina sui marciapiedi o gioca nei giardini e della città nel suo insieme”. 

 

L’assessore Gianassi aggiunge che non è una novità: “Questo tipo di controlli venivano già effettuati, adesso però vogliamo intensificare la presenza degli agenti sul territorio in modo da disincentivare questo comportamento, purtroppo molto diffuso in città. Un intervento a tutela delle fasce più deboli come bambini, anziani e disabili”. 

 

Da lunedì una quindicina di agenti in divisa e alcuni in borghese effettueranno controlli mirati, organizzati per quartiere. A dettare i precetti è il Regolamento comunale per la tutela degli animali che all’articolo 25, dal titolo “Obbligo di raccolta escrementi”: “I proprietari, o detentori a qualsiasi titolo, degli animali hanno l’obbligo di raccogliere gli escrementi prodotti dagli stessi sul suolo pubblico, in modo da mantenere o preservare lo stato di igiene e decoro del luogo”, e ancora “l’obbligo sussiste per qualsiasi area pubblica o di uso pubblico (via, piazza, giardino o altro) dell’intero territorio comunale” e che “i proprietari, o detentori a qualsiasi titolo, degli animali devono disporre di strumenti idonei alla rimozione degli escrementi”. 

 

Le multe scatteranno quindi sia per chi viene sorpreso con il cane al guinzaglio sprovvisto di attrezzatura per la raccolta, sanzione da 60 euro, sia per chi viene colto in flagrante mentre si allontana senza aver recuperato da terra l’escremento del proprio animale, multa da 160 euro.

 

 


 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.