San Valentino, un cuore al Piazzale Michelangelo per dire 'amo Firenze'

Cronaca
14/02/2017

Restaurato il primo tratto di balaustre del piazzale

Piazzale Michelangelo a Firenze festeggia San Valentino inaugurando il primo tratto delle nuove balaustre, completamente rinnovate dopo un restauro, e con una grande aiuola floreale a forma di cuore.

 

La composizione floreale è stata realizzata al centro dello spazio pedonalizzato un anno fa: al centro del grande cuore in prato verde, grande circa 600 metri quadrati, la scritta “Amo Firenze”, realizzata con ciclamini rossi, omaggio alla festa degli innamorati ma anche alla città.

 

“Il giorno di San Valentino è perfetto per inaugurare il restauro della prima parte delle balaustre che danno su uno dei panorami più belli del mondo – avrebbe dichiarato il sindaco Dario Nardella – Oltre alla balaustra riqualificheremo, entro il prossimo anno, tutta la pavimentazione. Non facciamo solo misure spot ma puntiamo a un decoro generale di tutta la piazza”.

 

Il restauro delle balaustre, si legge sul sito del Comune di Firenze, progettato e diretto dall’ufficio Palazzi e Ville monumentali del Servizio Belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio, restituirà l’antico splendore alle vecchie strutture in ghisa, sia quelle lato città che quelle antistanti la loggia del Poggi. L’intero intervento costa oltre un milione di euro.

 

Dall’attenta ricerca effettuata all’archivio storico del Comune di Firenze si è potuto determinare il colore originale della balaustra e la particolarità del suo sistema di montaggio. 

 

L’addobbo floreale rimarrà fino a metà marzo

 

[Foto tratta dalla pagina Facebook del sindaco Dario Nardella]

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.