Truffa del falso avvocato, ruba oro e 300 euro ad un'anziana. Ma intervengono i Carabinieri

Cronaca
10/01/2017

Truffa del falso avvocato, un'anziana salvata dai Carabinieri

Truffa un'anziana con la mossa del 'falso avvocato', viene fermato dai Carabinieri all'uscita dal palazzo.

 

È successo a Firenze, nella mattinata di ieri, lunedì 9 gennaio 2017. In via Tagliaferri, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni di cittadini che erano stati contattati da un sedicente avvocato e da un falso appartenente all'Arma nella zona di Novoli, i Carabinieri hanno predisposto un servizio per le vie del quartiere.

 

I militari, insospettiti da un uomo che dopo essersi intrattenuto al telefono saliva in un palazzo, sono intervenuti nello stabile, trovando la persona in questione che scendeva dal terzo piano. L'uomo, un napoletano di 48 anni, è stato fermato: non aveva con sé i documenti, era vago circa le sue intenzioni nel palazzo ed è stato poi trovato in possesso di 300 euro e alcuni monili d'oro.

 

Saliti al terzo piano del palazzo, i Carabinieri hanno dunque trovato una signora di 80 anni, la quale riferiva di aver ricevuto una telefonata da un uomo che le diceva di essere l’avvocato del figlio, che aveva avuto un incidente stradale e si trovava in stato di fermo dai Carabinieri, e che per rilasciarlo avrebbe dovuto pagare 2.900 alla controparte in quanto aveva torto.

 

Era in corso, insomma, la truffa del 'falso avvocato'. L'anziana infatti aveva visto arrivare in casa in poco tempo il falso avvocato del figlio, che si faceva consegnare la somma di 300 euro ed alcuni monili.

 

Il 48enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine per reati della stessa specie, è stato così arrestato e condotto a Sollicciano.

 


 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.