Firenze da lontano, la storia di Maddalena Severi

Home Page
23/02/2016

La sua "fuga" a Londra alla ricerca della felicità

Questa è la seconda storia della rubrica Firenze da lontano.

 

La storia che vi racconteremo è quella di Maddalena Severi, classe 1989, cresciuta a Braccagni, nel grossetano, che dopo la laurea in Scienze Umanistiche per la Comunicazione all'Università di Firenze ha deciso di lasciare la sua terra.

 

Appena finita l'Università a Firenze sono tornata a Grosseto e sono subentrati i primi problemi: lavoro, soldi, stabilità. Avevo trovato solo due lavoretti come baby-sitter e per più di due anni la mia vita era molto semplice. Vivere una vita monotona che non ti appaga, porta all'infelicità. Pensavo ogni giorno di andarmene ma mi mancava il coraggio. Un giorno mi sono svegliata e di fronte al solito malumore ho deciso di partire e così ho fatto il biglietto. Avevo il cuore che mi usciva dal petto e in testa mille punti interrogativi. Mai scorderò quel giorno all'aeroporto con la mia famiglia in lacrime e io che mi sentivo completamente persa”.

 

Una storia di coraggio di abbandonare la propria famiglia e la propria città per andare alla ricerca della felicità.

 

Ho deciso così di venire a Londra. Avevo già un amico che stava qui e alla fine è ad 1 ora e 30 di volo da casa e questo mi rassicurava. Adesso la mia vita mi piace, mi piace parlare inglese, mi piace conoscere gente di altre culture e conoscere abitudini diverse, mi piace il mio lavoro e mi sento felice”.

 

Una città che ha dato una nuova speranza a Maddalena.

 

“Ho scoperto una me che nemmeno pensavo esistesse. Mi piace stare qui perché ogni persona ha la possibilità di poter fare ciò che vuole, cambiare lavoro con facilità, e riuscire a crescere lavorativamente parlando. Ovviamente ci sono stati momenti in cui ho pensato di tornare a casa ma non ho mai ceduto”.

 

Londra, una città bellissima e  piena di possibilità ma che non cancella l'amore di Maddalena per la sua casa.

 

“Quello che realmente mi manca è la tranquillità che in una grande metropoli come è Londra non esiste. A volte vorrei cercare l'interruttore per spegnerla. Mi mancano i tramonti, mi manca il clima, mi manca la mia famiglia e i miei amici, mi manca il mare, mi manca il cibo ma alla fine credo che quelle siano abitudini. Ad esempio ora bevo tea, ed io lo odiavo, e caffè americano. Mi manca la mia piccola cittadina e anche la mia Firenze che i londinesi vedono come meravigliosa e, modestamente, non perché sia la mia città, ma è la verità!”.

 

Volete raccontarci la vostra storia? Contattateci alla mail info@055firenze.it

 

 

 

 

Jessica Chirli
 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

Icons made by Icons8, Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.